Pavaglione Cosmetics

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI A 30,00 €

Carrello
Nessun prodotto nel carrello.
0

cellulite: cause, stadi e rimedi

CELLULITE: CAUSE, STADI E RIMEDI

Che cos’è la cellulite e come si forma

Che cos’è la cellulite e come si forma

La cellulite è un’alterazione del tessuto cutaneo causata dall’accumulo di liquidi. Il suo nome scientifico è PEFS (Panniculopatia Edemato Fibro Sclerotica) ed è causata dall’aumento di numero e dimensione delle cellule adipose nell’ipoderma e dal conseguente ristagno di liquidi di scarto.

Ci sono diversi fattori che possono predisporci a sviluppare questo inestetismo. I principali sono:

  • genetici;
  • costituzionali, come l’obesità;
  • ormonali, come l’ipotiroidismo o l’utilizzo di contraccettivi              ormonali;
  • circolatori, come l’insufficienza venosa.

Una o più di queste cause causano l’alterazione della microcircolazione e portano a uno stato edematoso della stasi idrica. Si formano masse adipose nell’ipoderma (adipociti) che si spostano nel derma e ne compromettono la struttura. 

Gli adipociti possono comprimere i vasi sanguigni e facilitare la fuoriuscita di liquidi nei capillari, si aggregano formando noduli non irrorati dalla circolazione sanguigna, le fibre di collagene si irrigidiscono e nella cute si creano infossamenti (il cosiddetto effetto a “buccia d’arancia”).
Ma la cellulite non si presenta nello stesso modo per tutti. Infatti, convenzionalmente, si divide in quattro stadi di gravità crescente.

 

La cellulite è un’alterazione del tessuto cutaneo causata dall’accumulo di liquidi. Il suo nome scientifico è PEFS (Panniculopatia Edemato Fibro Sclerotica) ed è causata dall’aumento di numero e dimensione delle cellule adipose nell’ipoderma e dal conseguente ristagno di liquidi di scarto.

Ci sono diversi fattori che possono predisporci a sviluppare questo inestetismo. 

I principali sono:

  • genetici;
  • costituzionali, come l’obesità;
        ormonali, come l’ipotiroidismo o l’utilizzo di contraccettivi ormonali;
  • circolatori, come l’insufficienza venosa.

Una o più di queste cause causano l’alterazione della microcircolazione e portano a uno stato edematoso della stasi idrica. Si formano masse adipose nell’ipoderma (adipociti) che si spostano nel derma e ne compromettono la struttura. Gli adipociti possono comprimere i vasi sanguigni e facilitare la fuoriuscita di liquidi nei capillari, si aggregano formando noduli non irrorati dalla circolazione sanguigna, le fibre di collagene si irrigidiscono e nella cute si creano infossamenti (il cosiddetto aspetto a “buccia d’arancia”).
Ma la cellulite non si presenta nello stesso modo per tutti. Infatti, convenzionalmente, si divide in quattro stadi di gravità crescente.

 

I tre stadi della cellulite

I tre stadi della cellulite

 I STADIO: fase edematosa

Presenza di gonfiore (edema) per ristagno del plasma nel tessuto, accumulo di grasso e acqua nelle cellule, la cute è ancora elastica ma incomincia ad esserci un senso di pesantezza agli arti. Le funzioni metaboliche sono alterate e si inizia a vedere leggermente la buccia d’arancia ma se la cute viene compressa non rimangono impronte.

II STADIO: fase fibrosa

Aumento del gonfiore, cattivo drenaggio dei liquidi di scarto e conseguente scarsa ossigenazione dei tessuti. Le cellule adipose si addensano dando origine a noduli di grasso e perdita di tono. La cute assume un colorito spento, si arrossa se compressa provocando dolore e spesso presenta teleangectasie.

III STADIO: fase sclerotica

Drastica diminuzione del contenuto d’acqua nell’ipoderma, cattiva circolazione del flusso sanguigno e linfatico con noduli moltiplicati e dolenti al tatto. Si assiste alla sclerosi dei tessuti, che risultano duri e retratti. La superficie cutanea non è omogenea e levigata, presenta buccia d’arancia molto visibile e assume il cosiddetto aspetto a materasso.

Cellulite: rimedi e buone pratiche per contrastarla

Cellulite: rimedi e buone pratiche per contrastarla

Se la cellulite è ancora in uno degli stadi iniziali, è ancora possibile intervenire per evitare che i sintomi peggiorino e che si arrivi alla fase sclerotica. Ecco qualche consiglio per un corretto stile di vita che ti permetta di migliorare i sintomi di questo inestetismo:

Consigli alimentari

  • Scegli alimenti ricchi di potassio, che contrasta la ritenzione di sodio, come soia, piselli, mandorle, rucola, spinaci, kiwi, datteri e germe      di grano;
  • bevi almeno un litro e mezzo d’acqua al giorno;
  • mangia frutti rossi, dai mirtilli ai lamponi, ricchi di vitamina C, utili a proteggere i vasi sanguigni;
  • scegli alimenti che stimolino la diuresi, come ananas e sedano.

Movimento e stile di vita

Il movimento è fondamentale per contrastare i sintomi della cellulite, e la cosa importante è farlo con costanza, per almeno mezz’ora al giorno.

Se lavori seduta alla scrivania, alzati spesso dalla sedia per sgranchirti le gambe. Evita la corsa, che potrebbe peggiorare i sintomi della cellulite, e prediligi attività che stimolano il microcircolo, come il nuoto, lo yoga, il pilates.
Abbandona i tacchi alti e gli abiti troppo stretti, che compromettono la circolazione e favoriscono il ristagno di liquidi.

Trattamenti anticellulite

Alle buone abitudini per migliorare lo stile di vita e ti aiutano a combattere la cellulite, puoi aggiungere dei trattamenti per ridurne gli inestetismi.

Puoi agire sia dall’interno, con un integratore che aiuti a rinforzare il microcircolo, che dall’esterno, con trattamenti locali a effetto drenante e levigante.

PHYTODREN

Un coadiuvante cosmetico nei trattamenti intensivi contro gli inestetismi della cellulite, la perdita di tono e le adiposità localizzate.

Condividi su

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

PER TE IL 20% DI SCONTO